VERDECCHIFILM Film

La Veradia Film è stata costituita in data 22 Settembre 1987 con sede legale in Roma, Via Ricci Curbastro, 45, ed ufficio operativo sito in Roma c.a.p. 00165 - Via di Porta Fabbrica La società ha per oggetto la produzione di films e documentari, produzione di programmi registrati su supporto magnetico o meccanico; fornitura di servizi parziali: come ripresa, sviluppo stampa

A RUMOR OF ANGELS

James Neubauer trascorre l'estate sulla splendida costa del Maine con il padre, sempre impegnatissimo, e la sua nuova matrigna Mary, che detesta. E' ancora traumatizzato dal ricordo dell'orribile incidente d'auto in cui sua madre, due anni prima, aveva perso la vita. Un giorno, mentre gioca sulla spiaggia vicino al cottage di Matty Bennett, una donna considerata matta, rompe accidentalmente il suo recinto e questa lo costringe a ripararlo. Influenzato da tutte le storie leggendarie sul suo conto, James obbedisce. Sorprendentemente, i due trovano un punto di incontro nel loro modo di affrontare il dolore: la donna gli insegna a vivere intensamente tutti i momenti della sua vita. Man mano che la loro amicizia si intensifica, la famiglia del bambino si intromette cercando di persuaderlo sulla pericolosità delle strane convinzioni di Matty. La donna prende a cuore queste critiche e rifiuta di vedere ancora James, il quale, furioso, decide di affrontare Matty, l'unica persona che sia riuscita a fargli accettare la morte della madre...

PRENDIMI E PORTAMI VIA

Due autocarri dei vigili del fuoco corrono nella notte: un accampamento di zingari è completamente avvolto dalle fiamme. Italo Cesaroni e Otello Brighetti vengono arrestati nel cuore della notte. Inizia così la nostra storia mentre una voce da adolescente comincia a raccontare gli avvenimenti dichiarandosi responsabile di tutto. E' la voce di Giampiero che vediamo uscire dall'ospedale malconcio insieme alla madre Luciana e al padre Alfredo. Sei mesi prima l'arrivo di Romana, una zingarella di tredici anni, sconvolge la vita e la classe di scuola di Giampiero.

Alfredo e Luciana vivono in un quartiere di periferia, fanno parte di quella schiera di onesti che cerca di andare avanti con dignità e coerenza. Luciana dipinge, sogna di cambiare vita e posto. Alfredo lavora con la mamma Marisa nel negozio di frutta. Otello viaggia tutto il giorno in giro per il quartiere a consegnare bibite. Italo è il proprietario del bar, una sorta di capo spirituale del posto. Tra Giampiero e Romana inizia una relazione fatta di confidenze e amore platonico.

Un giorno Otello consegna le bibite al campo nomadi e scopre di essere stato derubato dagli zingari. Per vendetta, il giorno dopo, schiaffeggia nel negozio di Alfredo una piccola zingarella che chiedeva l'elemosina. E' l'inizio della guerra agli zingari che tutto il quartiere vuole. Nel cuore della notte il suo furgone viene incendiato tra le urla e disperazione della madre e di tutto il palazzo. Incuranti di tutto ciò, la storia d'amore tra Giampiero e Romana va avanti finchè un giorno, un vecchio zingaro: Fulberto vince a carte con il padre di Romana

E come vincita chiede Romana stessa. La violenta di notte nella roulotte. Questo provoca nella ragazzina determinazione e rabbia, chiede a Giampiero di aiutarla ad uccidere Fulberto. Intanto tra Alfredo e Luciana le cose non vanno bene, litigano in continuazione. Lei confida al Parroco Don Pierluigi che ha intenzione di separarsi.

Riesce a vendere i suoi quadri ad un collezionista di cui si innamora. Nel quartiere, Italo, si fa promotore di raccogliere le firme per far spostare l'accampamento zingaro. Il piano di Giampiero e Romana di uccidere Fulberto fallisce. Lei escogita un'altra cosa: Giampiero deve metterla incinta. Mentre tentano di far ciò vengono scoperti dal preside e dalla maestra e sospesi dalla scuola. Riescono a rincontrarsi ma Fulberto rapisce Romana e Giampiero nel tentativo disperato di salvarla viene selvaggiamente picchiato dagli zingari e ricoverato in ospedale. Questo scatena l'inevitabile reazione di tutto il quartiere che assedia l'accampamento degli zingari. Alfredo aggredisce il padre di Romana e viene arrestato dai carabinieri insieme con lui. Nella notte, mentre Luciana tenta di farsi dire dalla madre dove è finita Romana, Italo con Otello e altri del quartiere danno fuoco alle roulotte zingare. Luciana cambia cosa portandosi con se Giampiero che un giorno riceve una lettera di Romana dove Giampiero decide di raggiungerla, scappa di notte da casa e prende il treno. Trova Romana e insieme con lei accoltella Fulberto mentre una lampada appicca il fuoco nel carrozzone. Scappano insieme verso il loro futuro.

JOY - SCHERZI DI GIOIA

JOY è un film simmetrico nella struttura e nello svolgimento. È diviso in tre episodi che iniziano e terminano con gli stessi elementi: l'aria, l'acqua e la terra, che oltre a stabilire un equilibrio di stile, danno un ritmo allo sviluppo delle storie nella storia. Le immagini solari, con contrasti nitidi e puliti senza sfumature, aiutano a rendere reali le situazioni assurde. Dato il tema favoleggiante, per contrasto la fotografia è molto terrena e funzionale alla rappresentazione della realtà, con l'accento sui colori primari . Non c'è artifizio cinematografico se non con l'uso di effetti speciali per ricreare immagini vere, difficilmente riscontrabili durante le riprese. Il ritmo è dato anche dai dialoghi corti e serrati, alternati a scene con azioni non parlate. Gli altri momenti di respiro sono i due intervalli tra i tre episodi che sono simili all'inizio ed alla fine del film. I tre episodi infatti ,che si assomigliano in alcuni momenti anche nel dialogo, iniziano e finiscono in modo simile, evidenziando la struttura ciclica degli eventi della vita.

La recitazione naturalistica a volte ha una valenza caricaturale, ma più per le circostanze esterne, che costringono i personaggi a risultare comici loro malgrado. Le scenografie di BIAGIO FERSINI si potrebbero definire un gioco tecnologico, tra interni di fantasia ed esterni composti da architetture di maestri riconosciuti nel mondo, come Ettore Sottsass. Gli interni sono stati arredati con oggetti di arredamento tutti firmati da noti designer e architetti italiani.

Verdecchifilm

Via di Porta Fabbrica, 33

00165 Roma

Tel. +39.06.39321759

fax+39.06.39369750

E-Mail: info@vefeecifilme.it